INVOCAZIONE


Rubens C. Romanelli

Signore,

Innondami nello splendore della tua luce,

ma essendo cieco, no Ti vedo.

Parlami con l'eloquenza della tua parola,

ma essendo sordo, no Ti odo.

Bruciami nell'ardore del tuo amore,

ma essendo insensibile, non Ti sento.

Oh, strana contraddizione!

Tu, ben vicino a me,

e io, tanto lontano da Te!

Svendami, Signore, gli occhi, ciechi per l'orgoglio;

aprimi l'udito, sordo per la vanità,

e sensibilizzami il cuore, duro per la cattiveria,

perché io scopra la tua divina presenza

nell'intimo del mio essere!

RUBENS COSTA ROMANELLI: "O Primado do Espírito" cap. 1, pagina 15, 3a. edizione ampliata 1965, Editrice Síntese Ltda., Divinópolis - M.G., Brasil.

RITORNO ALL'INIZIO

ANTERIORE

PROSSIMA

MENU

liroma@terra.com.br